Campodipietra - l'immigrazione in Canada

Per quanto riguarda la storia dell’emigrazione, è nel 1890 che mette piede a Montreal il primo campopietrese che risponde al nome di Domenico Lombardi

Nel 1905 vi arrivano tre giovanotti di appena 15 o 16 anni che sono: Giovanni Francalangia, Vincenzo Cefaratti e Giuseppe Mancini, detto Peppucce Cosavecchia. Che ci crediate o no, i tre vi giungono clandestinamente dopo essere scappati dal paese per sottrarsi ai soprusi del duca e si pagano il viaggio lavorando come sguatteri sulla nave in cui si sono intrufolati.

Ma è negli anni 50 e 60 che anche da Campodipietra si registrano le punte massime delle partenze per l’estero. Ed è appunto in quegli anni che siamo venuti a stabilirci qui pure noi che abbiamo dato vita alla quasi quarantenne Associazione Culturale il cui scopo è anche quello di trasmettere ai giovani l’orgoglio di restare attaccati alle proprie radici.

A proposito di radici, cerchiamo di scoprire quando hanno avuto origine quei cognomi e quei casati campopietresi che anche qui a Montreal sono divenuti parte della normale quotidianità.

Secondo lo storico Francesco Rossi eccone alcuni all’anagrafe del 1522:
Ioanne Petrecchia, Biase di Cristofano, Ioanne Del Conti, Ioanne de Pilla, Pascale De Maio, Jacopo de Cicco, Angelo de Mariano Ansaleo, Cero de Rugiero, Angelo de Benedicto, Stefano Mangino, Donato Colasanti, Vito Pascivento, Cola Maczarano, Antuono Pasciventre, Donato Mariano de Cola Rosa, Ioanne de Martino, Antuono Colasanti alias Pilla, Guglielmo Santarello, Alessandro detto Fauziello, Angelo di Domenico detto Grosso, Dominico detto Ciarlozzo, Pietro Scricca, Antuono Ciarufo, Antuono de Mastro Martino.

Col tempo alcuni di questi nominativi si trasformano ed altri ne vengono aggiunti. Eccone alcuni nella grafia del 1658: Porzia Cesarotto vedova Angeloni, Criscento di Criscento, Antonio d’Avirro, Domenico Ricciardo, Giuseppe di Micco, Carulo Barile, Maruccia Antonaccio, Francesca vedova di Gio di Luca, Iacono di Maio, Mariano Bruno, Iacopo Palmiero, Angelo d’Agata, Noè Pavento, Angela Rossi, Domenico Carlone, Angela Carlozzo, Paulo Cefaratti, Bernardino Carriero, Francesco Lamenta, Angela di Santo, Ioanne d’Agata alias Ritone, Carlo di Cocco, Giambattista Perrotta, Ippolita Chiovitto, Nardo Mancini, Don Cosmo Rossi, Rosa della Petrella, Donato d’Attellis sposato a Domenica Ianitri e suo fratello Marco sposato a Laura Lamenta.

Casati secolari e antichi cognomi ormai di casa anche oltreoceano, dove contraddistinguono con onore pure l’identità di figli e nipoti nati in Canada… quel suolo lontano e forestiero che pertanto oggi è per essi terra nativa e Patria beneamata!


PROFILI DI EMIGRATI CAMPOPIETRESI

Elena_Fiorillo

Dei campopietresi residenti a Montreal a tutt'oggi la persona più anziana è Elena Fiorillo, nata esattamente il 12 giugno del 1922 a Montagano, in provincia di Campobasso, da Nunzia Muccino e Gaetano Fiorillo. Chiedendole come avesse conosciuto il marito Domenico D'Attellis mi ha risposto: "Ma io sono stata a Campodipietra perché mio fratello Giovanni vi ha esercitato la professione di medico!"; e il ricordo di questo bravo dottore è ancora vivo anche nel cuore dei compaesani oltreoceano.
Elena e Domenico, quindi, si incontrano a Campodipietra, si piacciono e nel 1951 si sposano, però non con vincolo di unione in quanto Domenico deve partire per il Canada e non si sapeva come sarebbe…andata a finire! Intanto Domenico parte a bordo della Ellas, fa la traversata transatlantica, viene a stabilirsi a Montreal e nel 1952 fa subito l'atto di richiamo ad Elena per sugellare i loro impegni di marito e moglie che li vedrà insieme felici e contenti per anni ed anni.
Una prima gravidanza di Elena, purtroppo, fa registrare il parto di una figlioletta nata morta; cinque anni dopo, invece, la gioia della maternità viene ad allietare il loro focolare con la nascita di un bimbo a cui viene dato il nome di Nicola Paolo, che diviene naturalmente orgoglio e vanto di mamma Elena e papà Domenico. Dopo qualche anno di ingegneria viene ammesso a frequentare la facoltà di medicina come era sempre stata sua intenzione, anche per onorare le orme di suo zio Giovanni.
Oggi giorno Nicola vive a Los Angeles dove espleta l'incarico di vice primario nell'MD Department di anestosiologia dell'ospedale Cedarsinai; è inoltre direttore di educazione e ricerche cliniche, nonché professore, sempre di anestosiologia, presso la David Gelford School of medicine. è papà a sua volta di due maschietti e una femminuccia di 37, 35 e 31 anni; poiché Domenico è deceduto nel 1989 essi costituiscono la gioia soltanto di nonna Elena. Quando ad inizio anni '70 feci visita per la prima ad Elena e Domenico, cugino di mia moglie Lina, ricordo con piacere che il giovanissimo Nicola si divertiva a dare spettacolo ricomponendo il cubo di Rubic in un batter d'occhio.
Elena, l'attuale nonnina dei campopietresi residenti a Montreal, ha lavorato con impegno, e con soddisfazione da parte dei datori di lavoro, presso la Barakett Press; ma soprattutto, unitamente a suo marito denominato appunto "il maestro", ha dato un valido sostegno ai valori culturali della Madre Patria sia come educatrice presso la scuola di Pompei e sia come insegnante di lingua e cultura italiana sui banchi di scuola del sabato mattina organizzati dal Picai. Mi permetto di sottolineare che Elena è completamente autonoma e che vive e fa tutto da sola; ed è ancora tanto lucida di mente e di memoria che tutte queste informazioni me le ha date personalmente durante una piacevole conversazione di quasi un'oretta: ed allora vale la pena che Iddio la conservi tra noi per molti anni ancora!

Tutti i diritti riservati 2024  - Associazione Culturale Di Campodipietra A Montreal Canada
Sito realizzato da MLSC